Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
long-life doors
 
22.10.2013
 
NON APRITE QUELLA PORTA!
Non sempre riflettiamo sul fatto che toccare la maniglia di una porta in un luogo pubblico equivale a stringere la mano a migliaia di sconosciuti contemporaneamente.
L’igiene è un tema particolarmente sentito dall’opinione pubblica quanto da chi opera in strutture comunitarie: basti pensare che ogni anno in Italia una percentuale tra il 5 e l’8% dei ricoverati in strutture ospedaliere contrae un’infezione.

In valori assoluti vuol dire che ogni anno si registrano fino a 700mila casi di infezioni ospedaliere, con un tasso di mortalità dell’1,5%. Secondo il Centro Nazionale per il Controllo delle Malattie oltre un terzo di queste infezioni sarebbero potenzialmente prevenibili se solo si rispettassero maggiormente le norme igieniche, specie quelle relative alla pulizia delle mani, principale veicolo di trasmissione batterica.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per esempio, le infezioni ospedaliere avvengono quasi sempre attraverso la sequenza fonte-veicolo-ospite. La fonte batterica è una qualunque superficie che contenga microbi, il veicolo è per lo più rappresentato dalle mani degli operatori sanitari, mentre l’ospite è il paziente. Per prevenire infezioni di questo genere solitamente ci si concentra sul veicolo, l’igiene delle mani, meno ci si sofferma sulla fonte: le superfici toccate più di frequente. come ad esempio le maniglie di una porta.
Oggi tuttavia, grazie alle ricerche sui materiali, è possibile contenere significativamente questo fenomeno
.
LE SOLUZIONI CONNECTICUT
  
Connecticut
, azienda sin dalle origini all’avanguardia per le tecnologie e i materiali utilizzati, ha appena completato la propria gamma di porte destinate ad ambienti pubblici ad alta frequentazione, con porte dotate di ante rivestite nello speciale laminato antibatterico Lamishield, della Abet (novità assoluta), e maniglie in lega di alluminio SecuSan della Hoppe, che grazie alla presenza degli ioni d’argento contrastano in modo duraturo la proliferazione microbica, permettondo di mantenere elevati standard igienici dove sono più richiesti, come ospedali, scuole, ristoranti, strutture ricreative, cliniche, ambulatori medici, case di cura, ma anche asili, scuole, alberghi, piscine e palestre.

Le nuove porte Connecticut sono una soluzione affidabile e duratura contro la proliferazione batterica, senza per questo dover rinunciare al design e al piacere estetico.

ORA POTETE APRIRE QUELLA PORTA!
               
 
GLI IONI D'ARGENTO
  


Gli ioni d’argento distruggono la membrana cellulare dei germi, bloccando la respirazione della cellula e la replicazione del dna di un ampio spettro di microbi. In questo modo si interrompe la divisione cellulare, arrivando a ridurre la proliferazione fino al 99%, come certificato da numerosi test condotti in laboratorio con esemplari di Staphylococcus aureus (che registra tassi di riduzione del 50% in 30 minuti) e di Escherichia coli K 12 (fattore di riduzione del 60% dopo 5 minuti).
 
PER SAPERNE DI PIÙ
  
Per conoscere l'intera gamma dei nostri prodotti:

  

Per avere maggiori informazioni sui modelli di porte anti-batteriche Connecticut contattaci subito:

email info@connecticut.it             tel. 02  93570796  


 
Tag: porte per ospedali, igiene, antibatteri, laminato, porte in laminato, maniglie, hoppe, secusan, abet, lamishield, strutture sanitarie
 
 
 
 
Part. IVA: 12024450152